Codacons/ decadono i contratti siglati da Roma e Lazio con società di scommesse

La decisione del vicepremier Di Maio di invalidare i contratti di pubblicità al gioco stipulati tra approvazione del decreto dignità e la sua pubblicazione, fa decadere gli accordi siglati dall’As Roma e dalla Lazio. Lo afferma il Codacons, pronto ad affilare le armi legali contro le due società calcistiche.
“Sia la Roma che la Lazio avevano tentato la furbata di eludere il dl dignità firmando in fretta e furia contratti con le società di scommesse, ma il loro tentativo è caduto nel vuoto – spiega il presidente Carlo Rienzi – Grazie alla decisione di Di Maio automaticamente decradanno i contratti siglati nei giorni scorsi dalle due squadre e pertanto gli accordi presi con le società delle scommesse sono a tutti gli effetti nulli”.
Il Codacons infine riserva una stoccata alla società LeoVegas che tramite i suoi dirigenti sta tentando di fare pressioni sul governo affinché non si adottino in Italia misure contro la ludopatia. “Si tratta di una violenza nei confronti degli organi dello Stato che denunceremo nelle sedi opportune, tesa solo a difendere i guadagni delle società del gioco a discapito della salute dei cittadini” – conclude Rienzi.