FORMELLO: BONUS IDRICO PER CHI E’ IN DISAGIO ECONOMICO

Dal primo luglio 2018 — informa l’Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) — chi possiede i requisiti per richiedere il bonus elettrico e/o quello per il gas potrà richiedere anche quello per la fornitura idrica, che consiste in uno sconto sulla tariffa relativa al servizio di acquedotto per gli utenti domestici residenti in condizione di disagio economico. In particolare il bonus idrico garantisce la fornitura gratuita di 18,25 metri cubi di acqua su base anua (pari a 50 litri per abitante al giono) per ogni componente della famiglia anagrafica. Il bonus garantirà, per esempio, ad una famiglia di 4 prsone di non dover pagare 73 metri cubi di acqua all’anno. Hanno diritto al bonus anche gli utenti che non hanno un contratto di fornitura diretto perché vivono in un condominio e il titolare del contratto di fornitura è il condominio stesso. L’utente, se riceve la comunicazione di ammissione al bonus elettrico e/o a quello del gas per il quale ha presentato la domanda, a partire dal primo luglio può tornare presso il Comune (o presso un Caf) per richiedere anche quello idrico, completando le informazioni già fornite con il nome del gestore che fornisce l’acqua e il numero utente (presente in bolletta); se la fornitura è condominiale è sufficiente l’indicazione del gestore che serve la zona.

Per ulteriori informazioni si può chiamare il numero verde 800166654 e consultare il sito www.arera.it o www.sportellopericonsumatore.it.