Reinserimento detenuti, presentato il progetto “Mi riscatto per Roma”

Si rinnova la collaborazione tra Roma Capitale e Ministero della Giustizia per i progetti di reinserimento socio-lavorativo in “lavori di pubblica utilità”, rivolti ai detenuti della Casa circondariale di Rebibbia.

A presentare il progetto Mi riscatto per Roma la sindaca Virginia Raggi e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Presenti l’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia SpA Giovanni Castellucci; il capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini; la presidente del Tribunale di Sorveglianza di Roma Maria Antonia Vertaldi; la garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, Gabriella Stramaccioni.

Due gli accordi che permetteranno di rinnovare per altri sei mesi il progetto già avviato negli interventi di ripristino del decoro di parchi e giardini, che ha visto i detenuti impegnati con ottimi risultati nello sfalcio e nella pulizia di aree verdi, dal parco di Colle Oppio al parco Schuster.

Grazie alla “sottoscrizione di intenti” con Autostrade d’Italia SpA, inoltre, i detenuti saranno coinvolti in lavori di manutenzione stradale che riguarderanno il rifacimento della segnaletica orizzontale, la pulizia delle caditoie, la sistemazione di sedi stradali.

I progetti si fondano su attività di “lavoro volontario e gratuito” e intendono promuovere un percorso di sensibilizzazione al rispetto del bene comune, alla legalità, all’osservanza delle regole, alla convivenza civile.