SASSI DAI CAVALCAVIA. DE LIETO (LI.SI.PO.), EMULAZIONE FOLLE. OPPORTUNO IL SILENZIO SU QUESTI EPISODI DEMENZIALI.

Ancora sassi contro auto in transito. Episodi-fotocopia, che denotano debolezza psicologica  e comportamenti irrazionali. Negli ultimi quattro giorni, vi sono stati tre episodi. In uno di questi, sono stati arrestati due giovani, accusati di “tentato omicidio”. in questo caso, i due arrestati, diciassettenni, sono stati colti in flagrante, mentre lanciavano sassi da un cavalcavia  sulla A\20  Palermo-Messina,  nei pressi di Milazzo. – Così ha dichiarato il Presidente Nazionale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), Antonio de Lieto – Nulla sembra scoraggiare  i “criminali del cavalcavia” .  Il pericolo è in agguato, ovunque vi può essere un individuo in vena di “bravate” e, di fatto,  non è facile prevenire questi particolari atti criminali: ci sarebbe da vigilare ininterrottamente, tutti i cavalcavia  e non solo. Impresa impossibile. Del resto, serve a poco o a nulla, intensificare la vigilanza, nell’immediatezza degli episodi, per poi tornare alla normalità. Il  Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) – ha concluso de Lieto – sottolinea la opportunità di  “oscurare” qualsiasi notizia relativa a questi episodi  e di prevedere  fatti del genere, come “autonoma figura di reato”, con previsione di pene elevatissime, arresto,  anche  al di fuori della flagranza  e la   esclusione di qualsiasi beneficio.