Massimo Popolizio è un Nemico del popolo al Teatro Argentina

Massimo Popolizio porta in scena in prima nazionale, dal 20 marzo al 28 aprile al Teatro Argentina, il grande classico di Henrik Ibsen Un nemico del popolo, una produzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale. La storia, incentrata sul tema della ricerca della verità e del consenso popolare, scritta un secolo fa, sembra riferita all’oggi e risulta ancora dirompente.

Si tratta di una nuova sfida per l’attore e regista, interprete qui del protagonista, il dottor Thomas Stockmann, affiancato da Maria Paiato nei panni maschili di Peter Stockmann, fratello del medico e sindaco coinvolto nel malaffare. Popolizio, ripulendo il testo di ogni patina di retorica ed esaltandone l’umorismo per farne un’arma pronta a sparare, indaga le contraddizioni della nostra società: dalla corruzione alla responsabilità etica per l’ambiente, dal ruolo dei media nella creazione di opinioni e consenso, ai rapporti tra massa e potere. L’opera del drammaturgo norvegese parla al nostro tempo e, senza ridursi a un mero atto di accusa, racconta con spietata lungimiranza il rischio che ogni società democratica corre quando chi la guida è corrotto, e la maggioranza tace pur di salvaguardare l’interesse personale.

Un nemico del popolo – dice Popolizio – è un testo che, rispetto ad altri della produzione di Ibsen, non possiede personaggi dalla psicologia articolata. Ci troviamo davanti ad un testo che scivola quasi nell’espressionismo. Con i miei compagni di scena cercherò di mettere in luce proprio questo, la natura di un dramma che presenta molti punti di vista, molte verità diverse. Ognuno dei quali espresso in modo molto chiaro e netto dai personaggi della storia”.

In attesa del debutto dello spettacolo, il Teatro Valle ospita fino al 19 marzo un ciclo di incontri di approfondimento sull’universo di Henrik Ibsen. Attilio Scarpellini, Graziano Graziani e Katia Ippaso raccontano e analizzano tre celebri opere del drammaturgo norvegese (Spettri, Hedda Gabler, Una casa di bambola), fornendo un’analisi critica inframezzata da una selezione di letture sceniche. Federica Santoro e Luca Tilli illustrano L’anitra selvatica a partire dal loro progetto di spettacolo ancora in corso d’opera. I partecipanti a due percorsi di formazione curati dal Teatro di Roma chiamano a raccolta il pubblico per una discussione collettiva sulle tematiche di Un nemico del popolo, mostrandone la forte attualità.

L’intera manifestazione è a ingresso libero su prenotazione.

Questi i prossimi appuntamenti:

martedì 12 marzo ore 18.30

Intorno a Una casa di bambola _ incontro con Katia Ippaso (giornalista e scrittrice, Il Messaggero, Venerdì di Repubblica)

venerdì 15 marzo ore 18.30

Intorno a L’anitra selvatica _ incontro con Federica Santoro (attrice) e Luca Tilli (musicista). Gli artisti raccontano e analizzano il testo di Ibsen a partire da I sommersi prima parte di un progetto di spettacolo in corso d’opera, tratto da L’anitra selvatica.

martedì 19 marzo ore 18.30

Assemblea pubblica per Un nemico del popolo _ Incontro collettivo di approfondimento curato da Antonietta Bello, Sergio Lo Gatto, Alice Palazzi  con i partecipanti ai percorsi “Per un attore divulgatore” – un laboratorio interattivo inserito nel programma della Scuola di Teatro e Perfezionamento Professionale del Teatro di Roma – e “Arrembaggio!” – un percorso di formazione del Teatro di Roma per gli studenti delle scuole superiori e degli atenei capitolini.

Info:  06.684.000.311/314 – www.teatrodiroma.net