RIFIUTI: RISTORANTE CHIUDE DA 4 MESI MA AMA ABBANDONA IN STRADA I CASSONETTI DEL LOCALE

Una causa contro Ama per i danni morali arrecati ai cittadini. La sta studiando il Codacons, cui si è rivolto un gruppo di residenti del quartiere Villa Verde a Roma denunciando l’ennesima situazione di degrado capitale causata dalle carenze dell’azienda municipalizzata dei rifiuti.

Da 4 mesi i residenti della zona sono infatti costretti a convivere con l’ingombrante presenza in strada di 6 grandi cassonetti per la raccolta differenziata della spazzatura (quelli di taglia xxl riservati ai locali commerciali), che non vengono rimossi nonostante l’esercizio in questione abbia chiuso i battenti e malgrado decine di solleciti presentati dai cittadini del quartiere all’Ama.

Da dicembre il ristorante ubicato in Via Gagliano del Capo ha chiuso la propria attività, lasciando i cassonetti dell’immondizia di fronte all’ingresso del locale per il ritiro da parte degli operatori Ama – spiegano i residenti che si sono rivolti all’associazione – Ad oggi, tuttavia, i grandi secchioni della spazzatura rimangono abbandonati in strada, occupando parte della carreggiata e offrendo uno spettacolo indecoroso a chi vive in prossimità del locale. A niente sono serviti i numerosi solleciti presentati dai residenti all’Ama con l’azienda che, nonostante le promesse, non ha mai provveduto al ritiro dei cassonetti, che di fatto da 4 mesi sono letteralmente abbandonati in strada.

Gli abitanti del quartiere hanno dunque deciso di rivolgersi al Codacons per avviare iniziative legali a loro tutela, e l’associazione sta studiando una causa risarcitoria per “danni morali” contro l’Ama, in relazione al degrado che la società sta determinando sulla via in questione e alle ripercussioni per la vita dei residenti, costretti a convivere con l’ingombrante presenza di cassonetti inutilizzati che avrebbero dovuto essere rimossi già da mesi.